NEWS

Loading...

mercoledì 26 novembre 2014

PERICLE IN ASPROMONTE ( Palmi, Seminara, Scido: 1965)

di Natalino Russo

    Avevamo preso l’abitudine , io e alcuni miei compagni di liceo, di canzonare i delinquenti dell’Onoratà Società, propriamente chiamata ‘Ndrangheta”, in realtà un branco e tutt’altro che onorato, parodiandone il gergo, storpiandone o ridicolizzandone il linguaggio, la parlata, le frasi più usate, i modi di dire.
    Questo metterli alla berlina era il solo modo di contrastarli, eravamo una specie di antimafia ante litteram. Mi spiego con un esempio : mentre Tizio incontrando Caio, o Sempronio dice, più o meno : "Ciao come stai ? A casa tutti bene ?" e si sente rispondere: "Sto bene grazie e lo stesso a casa; e tu?"; nel gergo di cui sopra questo breve scambio di battute si dilata e diventa un grottesco : "Carissimo compare, mi onoro e mi pregio di chiedere alla Vostra riverita persona notizie a riguardo di quel supremo bene che è la salute vostra e della vostra riverita famiglia, restando la mia persona personalmente, per quanto poco valgo e poco posso,e per qualunque cosa vi dovesse occorrere a vostra completa disposizione". L 'altrettanto paradossale replica : "L'onore è tutto mio, il sottoscritto, la famiglia e la "locale ( sarebbe il controllo territoriale delle attività della congrega malavitosa) non hanno di che lamentarsi e stessa cosa spero di voi e delle vostre, ricambiando le belle parole della quale mi avete voluto onorare, mi dichiaro servo vostro,e per qualsiasi cosa disponete altrettanto di me".
    Uno dei campioni di questo tipo di parodia ero io. Il "campionissimo", the number one, però,era un mio
compagno di classe, tale Scutellà, originario di un paesino situato ai piedi dell'Aspromonte, mentre Seminara si trova un po' più in basso, in collina, ma non molto distante dal mare.
    Scutellà, che noi appellavamo col cognome e mai con il nome di battesimo o soprannome, era la classica maschera da teatro comico : basso, fisico tozzo, viso rotondo, sul quale i peli rispuntavano ad un'ora dalla rasatura, capelli tagliati a spazzola , o a “spingulettuni” , portava occhiali neri e rotondi come il viso, con le lenti spesse come fondi di damigiana. Il suo modo di parlare era già pomposo di suo, barocco pieno di parole tra il comico ed il surreale anche nei discorsi di tutti i giorni. Figurarsi quando ci aggiungeva la parodia. Il tono baritonale della voce, una mimica articolare, il continuo premere dell’indice sulla montatura degli occhiali per avvicinarli ancora di più agli occhi, le sue pause, o come usa dire oggi i suoi tempi comici, ne facevano un umorista coi fiocchi, uno che di quei tipi che suscitano il riso anche quando annunciano una disgrazia o pronunciano un'orazione funebre.
    In questo ambito e con tali personaggi ebbe luogo uno degli aneddoti più divertenti ed esilaranti della mia vita, uno di quegli episodi che portano a dire che spesso la realtà supera la fantasia.
    Frequentavamo il secondo anno di liceo classico, precisamente nell’Istituto Nicola Pizi di Palmi, verso la fine di maggio ed eravamo alle prese con l’ultimo compito di Greco in classe, una prova che per qualcuno poteva voler dire vita o, o morte o, per sdrammatizzare, promozione o bocciatura. Mentre ero, dunque, intento a districarmi tra le insidie di quella lingua bella e impossibile che allora odiavo e di cui solo in seguito ho compreso l’importanza e che ancora oggi fa da base e pilastro a molte delle mie conoscenze e del mio sapere e anche del mio modo di ragionare e pensare, venni colpito alla nuca da un proiettile, di carta per fortuna, che poi terminò la sua corsa tra collo e camicia.
    Recuperarlo non fu semplice, ma ce la feci, lo srotolai e lessi :"Carissimo compare, mai vita di un
uomo dipese da altro uomo, come la mia oggi da voi. Nelle vostre sante e generose mani è riposto il mio destino. Gli strali del mio severo genitore e le lamentazioni della mia querula mammetta mi attendono insieme ad un'estate che vedrà il mio corpo riverso sugli odiati libri, anziché sdraiato sulla sabbia dell’amato mare sotto gli amatissimi raggi del sole. Confido in quella vostra proverbiale e riconosciuta bontà, di cui infinite volte mi avete dato amplissima prova. Il mio è l’SoS di un naufrago: aiutatemi, ve ne prego, il foglio che mi sta davanti è ancora bianco, come neve di una montagna inviolata. Fatelo ed eterna sarà la mia gratitudine. Per qualunque cosa al Vostro servizio. Disponete di me. Resto in trepidante attesa. Ci sarà tempo, luogo e modo per sdebitarmi. E ritenendomi di già vostro debitore mi firmo : Vostro compare Scutellà."
    Naturalmente sarebbe stato sufficiente un laconico: "Passami la versione". Ma, quella parodia era ormai un tormentone acquisito e irrinunciabile. Seguirono momenti di tensione. La professoressa, che si chiamava Genovesi ed era di Reggio Calabria, vigilava e ci marcava stretti affinché non copiassimo. Con molta circospezione e con mano tremante scrissi sul retro del suo biglietto la traduzione della versione. Ci aggiunsi i soliti saluti "in gergo" e feci segno a Scutellà che il pacco era pronto, ma non sapevo come fare per recapitarglielo. Gli mimai un treno, una nave, un aereo, un'automobile e persino un asino, facendogli capire che stava a lui suggerirmi il mezzo di trasporto più idoneo e sicuro. Lui ,a sua volta, facendomi sbellicare dal ridere, ri-mimò quei mezzi di trasporto scuotendo la testa dopo ognuno in segno di un no. Poi si toccò il petto e fece l'occhiolino come per dire "Ma vidu ieu" alla calabrese, in milanese "Ghe pensi mi" e in italiano "Provvedo io".
    La Professoressa notò la parte finale di quello scambio di smorfie e ci richiamò: "Cari muti di Sorrento è ora di finirla, più che due mimi, sembrate due scemi". In quell'aula immersa in un silenzio irreale e carica di tensione risuonò stentorea, dopo pochi secondi la voce baritonale di Scutellà : "Grazie, anche a nome di mio compare, per aver detto sembrate e non siete. Già che ci siamo posso aver da Ella, gentile professoressa, il permesso, indifferibile e meno che mai delegabile, di recarmi alla toilette ?".
    "Dove, magari c'è pronto ad attenderti un foglio con la traduzione vero?".
     "Ella mi offende gravemente, non fossi, come grazie a Dio sono, il ragazzo dabbene che sono....".
   "Pe quantu si ndranghitista ti cumpundi" gli gridò un compagno.
    "Puru i pulici hannu a tussi, taci villico, troglodita, vermiciattolo, e scusami se ti vanto, che non sei altro, poca confidenza - lo fulminò Scutellà, che rivolgendosi nuovamente alla Signorina Genovesi, che lo invitava a moderare i termini riprese : "Ha ragione non dovevo scusarmi.. dicevo che, appunto, educazione e rispetto mi impediscono di profferire parole tanto scortesi riguardo alla sua persona".
   "O, piuttosto la paura di essere bocciato ? Intanto, quelle parole promettendo di non dirmele, me le hai dette, comunque per tagliare la testa al toro, il permesso è accordato, indifferibilmente e senza delega alcuna".
    Scutellà, sussurrando un "povero toro", partì in missione. Tre minuti ed era di ritorno; passò, inchinandosi, davanti alla cattedra. Per giungere al suo banco, doveva passare davanti al mio, e quando fu a due metri da me aprì la e giacca prima tutta abbottonata e sotto apparve la bocca spalancata di un borsello che aveva cinto alla vita. Piegando l'indice, gesticolò per farmi capire di dare il biglietto in pasto al borsello che aveva fame. Io, coperto alla vista della professoressa dal suo voluminoso corpo, vi lanciai dentro il foglietto appallottolato con la versione tradotta: "Bravo -disse- bel tiro libero, a buon rendere". “Prego, mio dovere e privilegio - dissi io.
    "Cosa succede , signori Cric e Croc ?" gridò l'insegnante rivolta a noi.
    "Niente, Signorina parlavamo di basket, volgarmente detta, pallacanestro" si giustificò pronto Scutellà.

. . .
   All'uscita di scuola confrontammo gli "elaborati", come li chiamava l'Insegnante, con quelli dei più bravi della classe, Lillo Scionti e Giancarlo Della Mura, e avendo verificato che non se ne discostavano di molto, ci sentimmo tutti la promozione in tasca, Scutellà per primo, che prese a cantare, anticipando il Piero Focaccia di qualche anno dopo: "Per quest'anno si può andare, ci vediamo tutti al mare, tutti a mollo o sul pattino, ringraziando Natalino", e quindi stampando baci sulle guance ( precursore di Totò Cuffaro detto “Vasa Vasa”) e profondendosi in abbracci e pacche sulle spalle a tutti, e a me, "il suo salvatore", più degli altri. 
    Otto giorni dopo, tanto durò  la camera di consiglio, la professoressa giunse in classe col borsone, la qual cosa significava che la sentenza era pronta. Ottenuto , con non poca fatica, il silenzio diede inizio al rito, che ormai conoscevamo bene. Prima di consegnarci i compiti, lesse a voce alta i voti ottenuti da ciascuno, dopo, come d'abitudine, avrebbe letto il migliore ed il peggiore degli "elaborati" a mo' di esempi da emulare o di errori da evitare. I due fuoriclasse, intesi nel senso di campioni, perché in senso letterale i più “fuori-classe” di tutti eravamo proprio io e Scutellà che spesso dalla classe venivamo cacciati, ebbero entrambi un nove tondo tondo. A seguire ci furono voti tra il sette e il cinque, e un paio di due (a compagni che avevano consegnato il foglio in bianco). Io ebbi sei e mezzo...
    Quando, dopo qualche istante, la professoressa fece seguire, al nome Scutellà, il numero "quattro meno meno " la scala Richter e la scala Mercalli si fusero per registrare un terremoto di quindicesimo grado. Contestazioni, proteste, urla, insulti, epiteti come "spia" e "traditore" riempirono l'aula. Sembravano le urla di una folla e, invece, a gridare era solo uno, lui: Scutellà, paonazzo e al limite del collasso e il destinatario di tutti quei complimenti ero io. L'insegnante ci mise poco a dedurre che qualcuno aveva copiato da qualcun altro. E che questi due malfattori fossero Scutellà ed il sottoscritto lo ebbe per certo quando il mio "compare", dopo essersi fatto ripetere il suo voto volle che venisse ribadito anche quello assegnato a me e cioè “sei e mezzo e quattro meno meno” urlò passando dal gergo della "ndrangheta" calabrese a quello della mafia di Sicilia : "Meschina e intollerabile disparità di giudizio fu ".
    Mi arrabbiai molto con Scutellà, che, così facendo mi tradiva, e lui con me perché, a suo dire, l'avevo ingannato, dandogli da copiare delle stupidate. La professoressa, anche per placarne l’ira, volle dargli soddisfazione e, riportata con molta difficoltà la calma nella classe, comunicò che avrebbe letto non più le versioni prima ed ultima in classifica, ma quella incriminata di " Scutellà Minimo il contestatore", cosi l'appellò, parafrasando il famoso Fabio Massimo il Temporeggiatore.
    Ripescò dalla mazzetta il corpo del reato, si schiarì la voce e cominciò a declamare, con voce stentorea, quella traduzione, che parola più parola meno - dopo tanti anni vado a memoria - suonava cosi: "Pericle non tralasciava occasione per ripetere agli Ateniesi come la democrazia, cioè il governo del popolo, fosse la soluzione politica ideale da preferirsi senza alcun dubbio all'Oligarchia, il governo di pochi, e alla monarchia, il governo di uno solo, e massimamente al  più perverso e dannoso dei sistemi politici, la dittatura, fonte infinita di ingiustizie, miseria, violenze e guerre. La storia dei popoli era la più valida dimostrazione della giustezza di quanto andava affermando. Solo la democrazia, con il suo complesso di leggi, diritti e doveri, porta alla pace, alla giustizia, al benessere, nella libertà. Questo non avviene con le altre forme di governo non legittimate dalla volontà del popolo. Vigilate, dunque o Cittadini, perché a voi e solo a voi appartiene la sovranità. Dimostrate saggezza e perseveranza nella giustizia.......". 
    L'insegnante si fermò per prendere fiato e Scutellà si alzò, fece qualche passo verso la cattedra e, con finta gentilezza, grugnì contro : "Mi permetto di farle notare, cortese nonché esimia Signorina Professoressa, la stupefacente attualità di questo discorso, e modestamente la mia impeccabile  traduzione del pensiero di Pericle, il quale giusto com’era , se fosse qui oggi , si complimenterebbe con me e mi assegnerebbe ben più di uno striminzito e degradante quattro meno meno”. Era tornato lo Scutellà di sempre, calmo, ironico e fantasioso. Un vero istrione.
    Ma, fu la quiete che precede la tempesta o, come diciamo a Seminara, " a megghiuria prima da morti, o i botti lenti e scufiati prima da’ “Cassa Infernale”.
    Da stentorea, infatti, la voce della Professoressa divenne tuonante e i suoi occhi lampeggianti facevano il paio con labbra e lingua infuocate. : "Calma, calma, ragazzo, codesta non è un'interrogazione orale e non siamo in parlamento. Quanto all'impeccabilità della traduzione, ai complimenti e al bel voto, di cui Pericle potrebbe gratificarti, potrei convenire se tu ti fossi fermato qui. Pertanto, ti chiedo, caro e ribelle Scutellà, di usare la tua intelligenza e magniloquenza per spiegare a me e alla classe, quando mai Pericle disse le parole che tu gli hai messo in bocca, trasferendole poi nella parte finale del tuo compito e che vado a leggere, se avrai la compiacenza di tornare al tuo posto, di sederti e di tacere".
    Scutellà obbedì, girò i tacchi, andò a sedersi, non prima di lanciarmi un altro sguardo inceneritore, cui aggiunse il gesto minaccioso di mettersi la mano in mezzo alla bocca, nel più classico dei gesti minacciosi, promessa di tremenda vendetta… E lei riprese, recitando la frase incriminata, ovvero la pietra dello scandalo:   "Non esisterebbe quel bene supremo che si chiama amicizia, senza la disponibilità ad aiutarsi, soprattutto nel momento del bisogno e del pericolo, l'uno con l'altro, anche correndo gravi rischi; voi avete confidato in me ed io mi sento onorato di servirvi. Gli uomini sono uomini o sono niente e niente, se non la vostra benevolenza, mi dovete per quello che considero un mio dovere fare per voi. Alla nostra cara e imperitura amicizia”.
    Io compresi cos'era accaduto fin dalla prima parola "messa in bocca" a Pericle. Scutellà, stravolto, sudato, paonazzo, col dito indice tra le labbra come l'omino di "Lascia o raddoppia", solo dopo l'ultima. I compagni e la professoressa solamente quando, indeciso se infuriarmi o se scoppiare a ridere, gridai verso il mio simpatico comparuccio: " Stupido, imbecille, calamaru e carnalovari, e scusami se ti vantu, quelli erano i miei saluti, non certamente parole di Pericle, mi sono giocato le vacanze anch’io, Giuda che non sei altro, va jutali l’amici….".
    "La prossima volta ci metti un punto grosso come una casa e vai a capo, maccarrunazzu, susino dei calosci, scheletru vivente", grugnì lui, che aveva riperso il sense of humour".
     Io, davvero fuori dalla grazia di Dio, mi avvicinai e muso contro muso, gli urlai : "Non ci sarà una prossima volta, bestione ingrato e traditore, scimpanzé col tam-tam ! Basta amicizia, non ti voglio più vedere. Vai a far del bene".
    Il bene, dopo che si spensero le risate di tutta la classe, quelle dell’Insegnante in testa, ce lo fece proprio quest'ultima, che tolse di bocca a Pericle , cancellando dall'elaborato, la frase "incriminata" e assegnò, sia a me che a Scutellà, il "sei" che voleva dire promozione."
    “Per una volta, disse, derogo da quello che sarebbe il mio dovere per evitare che Pericle entri da quella porta e vi prenda a pedate nel sedere e anche perché mai ho riso tanto in vita mia. Quindi, cari figghiolazzi, faccio come il banchiere Gianfigliazzi, che non punì il famoso Chichibìo, perché, con la risposta sulla gru, l'aveva fatto morire dal ridere. Dovete, però, promettere e giurare che quanto avvenuto oggi in quest’aula rimarrà un segreto della nostra classe e che non si ripeterà in futuro, poiché nella vita bisogna essere leali e sinceri. Intanto, come primo atto di resipiscenza, pretendo che i due duellanti depongano le armi e si riappacifichino".
    “Risipesciamoci e chhiappamu i fica”, disse Scutellà abbracciandomi e io , sibilandogli un “Malanovamai”,
ricambiai l’abbraccio”. Dopo di che, giurammo e riportammo alla superficie dei nostri volti quel riso che avevamo messo a covare sotto la cenere. Quanto ridemmo, di gioia, di sollievo e liberazione.
    Prima di lasciare la classe, quando era già sulla soglia della porta, la Signorina Genovesi si voltò e disse : "Comparucci, un ultimo consiglio, ora e in futuro, parlate come mangiate, possibilmente in buon italiano e non in gergo ndranghitistico".
    Scutellà volle l'ultima battuta :" Non mi preoccupava tanto il quattro, incommensurabile e comprensiva docente massima, quanto il meno-meno, che mio padre , soggetto, avrebbe usato come indicativo presente del verbo menare, con la mia schiena, quale complemento oggetto, e un nerbo di bue come complemento di mezzo. Grazie, quindi, anche a nome della mia schiena che diventerà rosso-nera di sole e abbronzatura e non per gli ematomi e le piaghe ".
   Dal giorno appresso, e fino al termine del corso di studi, io e Scutellà, incontrandoci, salutandoci, o conversando, ci limitammo a dei semplici "ciao" e a frasi semplici e non allusive, senza aggiungere, a scanso di equivoci, nemmeno il classico: " Compare ".
    Il linguaggio dei boss lo lasciammo ai boss. Quello barocco, tipico di chi parla molto per non dire nulla, lo lasciammo ai politicanti. Tutti comunque, da quel momento, incrociando Scutellà, non riuscivano a non dirgli : " Ti saluta Pericle”.
   E, la sua replica era sempre la stessa : " Non lo conosco , mai visto, o sentito nominare !”
   Grande Scutellà . Grandissimo ! Con quanta nostalgia e affetto lo ricordo sempre, anche se , dopo quei migliori anni della nostra vita, non ci siamo più visti, né sentiti.

lunedì 24 novembre 2014

QUEL 56,2% DI ELETTORI CALABRESI STANCHI O PIGRI O... LIBERI

di Bruno Demasi
    La nuova maggioranza alla Regione è stata espressa soltanto dal 43,8 degli elettori che hanno votato, anzi dal 58,5 % (percentuale guadagnata dall’abnorme cartello del cd “Centrosinistra”) del 43,8% (percentuale dei votanti).    
  Un rompicapo apparente per dire in sostanza che il nuovo governo regionale è stato voluto dal 25,6 % dei Calabresi in età di voto o, che dir si voglia, da un calabrese su 4. Dei rimanenti 3 poco meno di uno ha votato per altri schieramenti, mentre due abbondanti non hanno votato. Per pigrizia? Per protesta ? Perché forse prede della rassegnazione e del fatalismo?
    Probabilmente per tutti questi motivi insieme, ma non solo.
  C’è anche un altro motivo che probabilmente – se oso scriverlo - farà storcere il naso agli amici politically correct e gridare allo scandalo gli stracciatori delle proprie vesti di professione. Ebbene il motivo ulteriore, quello che qualche candidata capolista evidentemente non ha capito quando esulta perché in Calabria l’astensionismo è stato inferiore a quello dell’Emilia Romagna, è la libertà. La libertà di non scegliere nessuno e di non farsi condizionare da nessuno in direzioni elettorali più o meno obbligate tracciate dagli amici o dagli amici degli amici di turno. Non è poco!
    Insomma in quell’abbondante metà degli elettori calabresi che ha rinunciato al voto c’è evidentemente non solo chi ha voluto protestare o chi ha preferito la domenica di relax all’odore di muffa di una cabina elettorale, c’è anche chi se n’è infischiato altamente degli immancabili “ consigli” ricevuti. 
   Comunque sia andata, abbiamo un nuovo governo regionale, con venti nomi “di maggioranza” non esattamente nuovissimi e ingenui (Mario Oliverio presidente della Giunta regionale della Calabria; PARTITO DEMOCRATICO: Carlo Guccione, Giuseppe Aieta, Antonio Scalzo , Michele Mirabello ,Mimmo Battaglia, Mimmo Bevacqua , Vincenzo Ciconte , Sebi Romeo , Nicola Irto; LISTA OLIVERIO: Francesco D’Agostino ; Vincenzo Pasqua ; Franco Sergio; Mauro D’Acrì ; LA “SINISTRA”: Gianni Nucera; DEMOCRATICI “ PROGRESSISTI”: Giudiceandrea Giuseppe ; Arturo Bova ; Peppe Neri; CALABRIA “IN RETE”: Flora Sculco ;Salvatore Magarò) e undici consiglieri di minoranza anch’essi tutt’altro che novellini o immacolati, e comunque rigorosamente appartenenti alla cd area di centrodestra (CASA” DELLE LIBERTA”:Giuseppe Cannizzaro; Giuseppe Mangialavori ; Graziano Giuseppe ; FORZA ITALIA: Fausto Orsomarso; Giuseppe Morrone; Mimmo Tallini;Nazzareno Salerno; Alessandro Nicolò; “ NUOVO” CENTRO DESTRA: Giovanni Arruzzolo; Baldo Esposito; Giuseppe Gentile ) Uno degli eletti della coalizione FI e CL dovrà lasciare il posto a Wanda Ferro e uno degli eletti del NCD ( in cui giganteggia con oltre 10.000 preferenze il Gentile mancato sottosegretario già grande elettore dell’uscente Scopelliti) dovrà lasciare il posto al capolista D’Ascola.
    I Calabresi (pardon il 43,8 % dei Calabresi) ha preferito concentrare il potere esclusivamente nelle mani del centro- sinistra-destra, imbavagliando tassativamente le possibili voci di dissenso che sarebbero state costituite dal M5S e dalla lista Tsipras.
    Qualcuno potrebbe obiettare che se il 56,2 % dei non votanti avesse votato, avrebbe potuto eleggere quanto meno un diverso quadro delle minoranze, ma questa è aria fritta: sappiamo bene che la storia non si fa né con i “se” e nemmeno con le ingenuità: stavolta in Calabria toccava alle larghe, anzi larghissime intese istituzionalizzate, senza patti e nazzareni di mezzo. Difatti nella gestione dei problemi e dei temi miliardari relativi alla sanità regionale, alle ricchezze nascoste, alle povertà abissali, allo scialo dei fondi europei, al soffocamento del porto di Gioia Tauro, allo sbaraglio delle scuole, della formazione e dell’imprenditorialità c’era posto per molti. Ma solo per loro!

   Siamo stati sempre all’avanguardia del meglio del peggio, perché non esserlo adesso come laboratorio del sistema Calabria applicato all’Italia o viceversa? Prosit!

venerdì 21 novembre 2014

CINQUE CONCORRENTI DI LUNGO O BREVE CORSO PER IL GOVERNO DELLA PALUDE CALABRIA

di Bruno Demasi

    A contendersi il governo della Calabria nella situazione estrema di stallo amministrativo, oltre che politico e finanziario, ereditato dalle precedenti gestioni , a fare a gara col proposito di lasciare il segno (loro e delle variopinte aggregazioni elettorali che esprimono la maggior parte di loro) alla guida di una regione tra le più esposte, se non la più esposta, alla corruzione dilagante ed alla cultura dell’illegalità elevata a sistema, vi sono cinque candidati. In stretto ordine alfabetico:


Cono Cantelmi ( Movimento 5 Stelle)

Nato a Catanzaro , quarantunenne. Avvocato, esercita nel capoluogo calabrese , dove insegna Diritto dell'informatica nella Scuola di specializzazione delle professioni forensi dell'Università Magna Grecia. E’ uno dei fondatori di Hacklab, il centro per la ricerca e e la diffusione della cultura open source. E’ anche fondatore dell'associazione "Ereticamente", nella quale si fa cultura d'impresa e di imprenditorialità, specialmente giovanile.

Nico D'Ascola ( Nuovo centrodestra e Udc)

E’ reggino, sessantenne, laureato in giurisprudenza e docente di Diritto penale nel Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Avvocato penalista, ha preso parte ai lavori delle commissioni ministeriali capitanate da Nordio e da Pisapia per la riforma del Codice penale. Nel 2013 è stato eletto senatore con il Popolo della libertà, ma nella scissione di FI, è passato con Alfano al Nuovo centrodestra.


Wanda Ferro ( Forza Italia, Fratelli d'Italia, Alleanza Nazionale)

E’ catanzarese ed ha 46 anni. Laureata in lettere , durante gli studi universitari è stata attivista del Fuan, il movimento politico universitario espressione del Movimento Sociale Italiano. Successivamente è entrata in Alleanza nazionale, ed è stata consigliere comunale a Catanzaro e poi assessore. Nel 2004 è entrata nel Consiglio provinciale di Catanzaro. Quattro anni dopo è stata eletta presidente dello stesso consiglio provinciale.


Domenico Gattuso ( “L’Altra Calabria" da ''L'altra Europa” di Tsipras)

Cinquantacinquenne, è nativo di Motta San Giovanni (Reggio Calabria). E’ stato un militante della Federazione giovanile comunista (Fgci) e del Pci. Si è laureato in ingegneria civile ed è professore ordinario di Ingegneria dei trasporti e direttore del Laboratorio di logistica dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. E’ stato candidato con la lista "L'altra Europa con Tsipras" alle elezioni europee che si sono tenute nei mesi scorsi. 

Mario Oliverio (Pd - Democratici progressisti - Oliverio Presidente - Centro democratico -La sinistra - Calabria in rete - Cristiano Democratici Uniti - Autonomia e Diritti)
 Nato a San Giovanni in Fiore (Cosenza), ha 61 anni. Ha militato nelle fila del Pci, per il quale è stato da giovane consigliere regionale e poi assessore all'Agricoltura. E’ stato anche sindaco di San Giovanni in Fiore nel 1990. Dal 1992 al 2006 è stato deputato. Già segretario regionale dei Democratici di Sinistra dal 1997 al 2001, è stato poi presidente della Provincia di Cosenza nel 2004 e nel 2009.

mercoledì 19 novembre 2014

MA LA CAMPAGNA ELETTORALE SI FERMA ALLE PORTE DEL PORTO... ( Nonostante il convegno su ZES, logistica ed energia)

di Bruno Demasi 
   Sarebbe stato nodale, imprescindibile che in questa vigilia elettorale spenta e arruffata si fosse tornati a parlare di quel volano di sviluppo, non solo per la Piana, ma per la Calabria intera, che è costituito dal porto di Gioia Tauro, e che si fossero assunti precisi e concreti impegni per risollevarne le sorti insieme con quelle di una Regione come la nostra che registra il più basso tasso di occupazione ( 37% nel primo semestre di quest’anno, secondo il dato Bankitalia di due giorni fa) e  si colloca invece nel posto più elevato per intrecci politico-mafiosi e tasso di corruzione (224 arresti nell’ultimo anno di riferimento, il numero più alto rispetto a tutte le regioni italiane, persino rispetto a Lombardia, Campania e Sicilia). 
   Un porto, una regione succubi di attese inutili e snervanti, e non già perché il Presidente del Consiglio il 7 novembre scorso non si sia fatto vedere , come aveva lui stesso stabilito, per “inderogabili” impegni , ma perché a fronte di un fiume impetuoso ed esondante di parole e di promesse, di fatti concreti, come l’istituzione della Zona Economia Speciale, non se ne vedono.
    In questo quadro desolante ha assunto un rilievo gigantesco l’iniziativa di qualche settimana fa organizzata dall’Istituto di Alti Studi e Scienze Ausiliarie ( IsAG) e dal Centro per la Formazione, la Ricerca, l’Innovazione tecnologica e lo Sviluppo (CeFRIS), due belle realtà di sviluppo, la seconda delle quali addirittura operante anche a Gioia Tauro. Un’iniziativa effettuata nei palazzi del Parlamento dal titolo molto eloquente: ZES, Logistica ed Energia: fattori di sviluppo per il porto di Gioia Tauro,concretamente volta a gettare più di un sasso nello stagno, anzi nella palude politica e strutturale in cui ormai parlare di sviluppo del Porto può sembrare quasi una scommessa. 
   Un convegno che ha permesso di approfondire sul serio la questione del possibile sviluppo per il porto di Gioia Tauro sia a livello strettamente economico e imprenditoriale sia a livello politico e strategico, in un’ottica locale e regionale, ma anche nazionale ed europea.
    Grazie alla sua ubicazione e alla conformazione geografica del territorio sul quale esso insiste, il porto infatti non si pone più banalmente quale “porta dell’Europa” come in modo paternalistico ed eurocentrico lo si vede vede dai palazzi del Consiglio d’Europa, ma cuore del Mediterraneo, quindi possibile volano di un’economia a vocazione euro-mediterranea.
     Un storia difficile quella del porto , come è emerso dal Convegno, tanto che esso oggi presenta una sostanziale inefficienza specialmente a livello di logistica portuale, restando ancora e malgrado tutto soltanto un porto di transhipment, cioè addetto allo smistamento di container su navi feeder che poi devono dirigersi verso porti secondari. Ed il motivo principale per cui attualmente gli investitori non guardano con particolare interesse alla zona è tuttavia la mancanza di adeguate infrastrutture ferroviarie che permetterebbero, ad un costo più basso, di raggiungere le mete via terra, ma anche la mancanza strutturale di energia a buon mercato, tale da favorire la nascita e lo sviluppo in loco di imprese.
     Il convegno ha ribadito con forza che la ZES, oltre che aiutare a sbloccare quest’ assurda situazione di stallo sia del porto sia della regione intera, potrebbe garantire una serie di aiuti di Stato previsti espressamente dall’UE per quelle regioni in ritardo di sviluppo che rientrano nell’ex “Obiettivo 1-convergenza” e intelligentemente  ha focalizzato l’attenzione per la prima volta, ad opera del responsabile del Ce.F.R.I.S. dr. Domenico Napoli, sull’importanza cruciale che riveste la formazione nel rapporto tra istruzione e mondo del lavoro.
   L’obiettivo ambizioso del Ce.F.R.I.S. in effetti è creare delle professionalità specializzate da introdurre nel mondo dell’imprenditoria privata. In tal senso l’istituzione della ZES potrebbe davvero essere un’occasione unica per l’inserimento di giovani figure professionali del territorio, specializzate e preparate, senza contare che l’innalzamento della qualità del lavoro potrebbe sollecitare le imprese dell’indotto a divenire sempre più interessanti e competitive.
    Sarebbe troppo chiedere ai politici regionali e nazionali un impegno finalmente serio e non parolaio per quest’ultima spiaggia dell’economia calabrese e italiana di cui colpevolmente non si fa alcuna menzione neanche nel cosiddetto decreto “SbloccaItalia”? Sarebbe troppo chiedere a chi andrà fra qualche giorno al governo della Regione di evitare accuratamente per il futuro ogni passerella pubblicitaria sulle banchine del porto, ma di assumersi  fin da adesso soltanto  l'onere di rimboccarsi le maniche per lavorare, e lavorare bene, senza sconti per nessuno, per lo sviluppo di questa importante struttura che appartiene a tutti e non soltanto ai trafficanti...?

lunedì 17 novembre 2014

GIUDITTA LEVATO NON SI TOCCA !

                                           di Bruno Demasi
 
  Giuditta Levato appartiene a tutti noi , a quella Calabria che ha ricostruito e difeso col sangue e col    sudore dei contadini la civiltà seminata dai Greci, dai Bruzi , dai Normanni, dagli Ebrei, dagli Arabi e poi tradita e depredata  da  tante orde di barbari che hanno spadroneggiato e spadroneggiano tuttora su questa terra…
       Per chi non se ne ricordasse, per tutti gli alunni delle nostre scuole a cui si insegnano (quando si insegnano) mille sciocchezze di importazione anglosassone, ma non si insegna la nostra storia vera, Giuditta Levato era /è la contadina calabrese uccisa nel novembre del 1946 durante una pacifica occupazione di terre. La prima vittima di quella lotta al latifondo calabrese che si venne a produrre in seguito al tentativo degli agrari di ostacolare con ogni mezzo l'applicazione della Legge Gullo che nel 1944 aveva sancito l'assegnazione di porzioni di terre ai contadini che le lavoravano riuniti in cooperative. Una guerra durissima e senza esclusione di colpi , che ha distrutto l’idea stessa di cooperativa in Calabria per molti decenni e che invece ha fatto germogliare e moltiplicarsi come non mai la mala pianta delle guardianìe o, che dir si voglia, delle aggregazioni mafiose al servizio degli agrari.
       La guerra contro i contadini registrò in primis dal 1946 fino almeno al 1950, i fatti sanguinosi che ebbero come teatro il territorio di Petilia Policastro e di Melissa, ma anche  tante pagine di martirio contadino di cui non furono esenti molti altri paesi della Calabria intera, compresi quelli della Piana di Gioia Tauro (Messignadi, Drosi...ecc).
      Giuditta Levato venne barbaramente uccisa all'età di 31 anni  il 28 di novembre del 1946. Era incinta di sette mesi del suo terzo figlio . Si era recata insieme al marito e con un nutrito gruppo di contadini, che come loro avevano ricevuto dalla Commissione Provinciale istituita dalla legge Gullo la concessione delle terre che avevano coltivato, per impedire che una mandria di buoi e di vacche di proprietà del latifondista del luogo, Pietro Mazza distruggesse quanto avevano seminato. Durante la manifestazione di protesta dal fucile di un uomo al servizio del Mazza partì un colpo che attinse proprio all'addome Giuditta Levato. Nel terribile trambusto che ne seguì, la donna fu trasportata prima a casa e poi in ospedale, dove quasi subito morì insieme alla creatura che portava in grembo.
     Fin qui la storia colpevolmente dimenticata persino da noi Calabresi, ma ad essa si associa una nuova incredibile storia in questi giorni di can can elettoralistico: dieci anni fa al Palazzo della Regione a Reggio, l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, bontà sua, intitolava a Giuditta Levato la sala conferenze, quale omaggio tardivo al sacrificio di tutte le donne calabresi prostrate dalla fatica, e vi poneva come emblema un grande quadro che, realizzato sull’unica foto esistente di Giuditta Levato, la ritrae con accanto i due figli spaventati e con gli occhi sbarrati dal flash del fotografo: indossa un cappotto ormai troppo stretto per fasciare il suo corpo disfatto da tre gravidanze, di cui una in corso, e sorride col viso dolce e altero, paziente e dignitoso, che è quello delle nostre donne di Calabria.
     Un quadro ingenuo, ma bellissimo, che però pochi giorni fa era inspiegabilmente sparito per far posto a una rielaborazione pittorica di fantasia ( un volto tumefatto che verosimilmente vorrebbe rappresentare il volto di Giuditta ) , commissionata e realizzata non si sa da chi e per ben trentamila euro.   Dobbiamo alla penna del giornalista Riccardo Tripepi l’allarme indignato lanciato qualche mattina fa contro lo scempio perpetrato in modo anonimo dentro i muri del Palazzo, tanto che nel pomeriggio della stessa giornata il quadro originario è tornato al suo posto nella sala di Palazzo Campanella, mentre il nuovo non si sa che fine abbia fatto. 
       Come tanto, tantissimo  denaro, sottratto alle casse regionali e alle nostre tasche !